Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 14 febbraio 2009

CORDELIA

CORDELIA, da RE LEAR, I.1

Ama. Silenzio. E che dirà Cordelia?

Silenzio! Ama. Povera Cordelia!

Non sono povera. No. Questo amore,

in me, supera molto la mia lingua.

Per mia sfortuna io non posso spingere

il mio cuore all’altezza della bocca.

 

Amo Vostra Maestà secondo un vincolo:

così. Né più né meno. E Voi chiedete

un discorso migliore. Sire buono,

mi avete dato vita, ed allevata,

avete amato me, ed io Vi rendo

quello che è Vostro, secondo giustizia.

Io Vi obbedisco, Vi amo e Vi onoro.

Perché le mie sorelle hanno mariti,

se ognuna dice “amo solo mio padre”?

Quando sarò sposata, quel signore

che con la mano accetterà il mio pegno

dividerà con Voi amore, stima, e cura.

Il cuore parla a Voi. Non “tanto giovane

e tanto poco tenera”: ma giovane,

signore, giovane, e tanto sincera.

***

Read Full Post »