Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 9 luglio 2009

Arsure ed erranze

Sopravvivenza

Siamo venuti dal nulla / padri i vasti deserti / le madri fresche notti. / Arrivare, / gran fatica! / e le mani ferita infetta. / Nessuno di noi si piega / guardando l’orizzonte / dove è incerto limite, / ignoto, / sconcerto. / Sempre esiliati / in desolata sponda / dove miseria regna, / schivati a stento / da una morte cieca. // Cosa può la minaccia? “ (p. 31). La posta in gioco di ogni pratica poetica che voglia porsi alla frontiera tra esprimere soltanto e significare realmente è la sua stessa sopravvivenza come Poesia.

Giulio Bruni nella recensione di Giuseppe Panella

Read Full Post »

Chii granèi de Segadhura

che se spande tee piastrèe

del bagno co’ Renato ‘l se

cava via i calzhéti, òni

sera, la ‘é sorèa de quea

 

che ‘a sgrafa ‘e só man,

che le fa vègner cussìta

ruspìghe. Lu li rincura,

co’l deo pìcoeo parché

só fémena sinò ‘a zhiga

 

po’ lo pesca, chel mucét,

lo buta drento ‘a vasca,

el mòea l’aqua. E ‘sto sèst

ghe ricorda ‘l mar, e l’istà

de tanti àni fa: ‘a sera che

 

lu e Luisa i se ‘à conossù;

‘a luna, lassù, e lori dó

ciapàdhi par man drio ‘a

spiàja, ‘na corsa fin drento

l’amór, contro a un baso;

 

cavàrse ‘e scarpe a casa,

dopo, sabia che casca fòra

che ‘a se perde drio l’aqua.

Calcòssa de bon, ‘lora, lo’à

anca ‘l conpensato! el pensa.

traduzione

Read Full Post »