Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2009

I soliti ignari

Si accucciano
a schivare
la guancia offerta in sfida.

Si accalcano
a gridare
la loro utile resa.

Si accostano
al miracolo
zelanti nel diniego.

Versano lacrime
per gli zampognari,
abili il nato scansano,
ancora, i soliti ignari.

Anna Maria Curci

Read Full Post »

Canto della mamma-bambina

La cuffietta intorno al viso; un fagotto sui gradini
della stanza grande come una forma di lardo,
unico flash della mamma-bambina senza denti né pianto.

Dietro la porta la madre si quieta vegliata dal grufolo caldo, il battito
dentro le cestole; i segni contano le vene.

Madre nera madre troppo
fragile per i boschi per le mele cotogne le primule a novembre
madre dei soffioni senza campo.

Il padre è un peduncolo, grande come il baco
che abita la mummia. Migra dalla pancia all’osso.
Succhia. Geme. E’ un grugnito.

Tagliati a metà, l’uomo e la sua terra, il verro e la sua donna, nel tempo perdonato
della mietitura, crescono la mamma-bambina.

Iole Toini

Read Full Post »

scrivere è un destino covato dall’ombra delle ore
la spina amorosa di chi non lascia niente alle sue spalle
perché essere cenere, sostanza di vento
è inciso da sempre a lettere di fuoco
nelle pupille dei segni che trascina – un canzoniere
infimo, un breviario di passi senza orma
tracima sillabe d’innocenza e memoriali di sabbia
dalla brocca silente che disseta il labbro,
quando parole malate d’aria si staccano dalle mani
precipitano nell’impercettibile abisso
di una pagina –
scrivere è un’ora covata dal destino
la spina che costringe il corpo in reticoli d’albe in piena notte
e punge fruga ricuce orli slabbrati lacera la carne
fino a che sanguinano anche i sogni,
fino a che l’immagine fiorisce in echi di sorgente
gli alfabeti rappresi dentro un grido

(sono queste le voci che mancano a una pietra
per sentirsi un arco lanciato verso il cielo,
sono questi gli accenti
che scortano il seme alla sua tomba di luce – al precipizio ardente
dove la morte è presagio di stagioni,
oracolo dei frutti e del ricordo)

Francesco Marotta

Read Full Post »

La sirena del vuoto

Certe volte mi sembra di sapere

tutto di ciò che si concerta sul tuo volto:

il disegno di una battaglia in corso

tra ciò che vuoi e non puoi,

tra ciò che senti come colpa

e ciò che solo è potenza

del corpo.

Il desiderio non è mai

goffo. Spinge oltre la porta della legge,

trascende, conduce verso l’alto,

devia dal cielo delle stelle fisse

incontro all’iride di luce alla deriva,

una danza schiva, un brivido

di paradiso che si visse.

Io e te insieme agli altri, con la nostra

storia segreta e romanzata,

immersi in sguardi freschi,

in rivoli di commenti sussurrati.

Donato Salzarulo

Read Full Post »

Programma del morto

diventa bolla     diventa schiuma

s’è fatto prendere     s’è fatto raggirare     nelle onde

crepa a rallentatore    proprio ai piedi delle famiglie

lo scopo era di rimanere nascosto sotto il letto

di neutralizzare tutte le coppie

adesso    inzuppa sciarpe     vestiti     gesti

scorta i nuotatori che si allontanano al largo

sbarra l’entrata dei canali

si scatena verso sera

gli restano da esaminare le ragazzine dai cappelli rossi

deve ancora sventare la manovra delle vele

tutte le comunicazioni saranno interrotte

conta le mosche pietrificate sulle proprie braccia

Jean Jacques Viton

Read Full Post »